Vegcoach

Ho ideato la nuova figura del Vegcoach per dare risposte a tutti coloro che sono interessati a mettere in pratica la riduzione dei consumi di carne e di altri prodotti di origine animale o ad alimentarsi correttamente nell’ambito di un regime vegetariano o vegano. Nel rispetto di se’ stessi e dell’ambiente.

Il vegcoach è esperto di alimentazione, nutrizione e lifestyle vegetariano e vegano e condurrà singoli o imprese nel loro percorso, qualsiasi esso sia, di avvicinamento ad un’alimentazione più “green”.

Quando avevo chiaro in mente la figura professionale che poteva realizzare tutto questo mi serviva un nome: ero indecisa tra vegcoach e vegplanner, ma mi convinceva più il primo. Scoprii che non ero stata la prima ad inventarlo: esistevano però delle figure ben diverse, ovvero una società di catering in Australia e uno chef negli USA. E allora, vada per Vegcoach! E' piaciuto così tanto che presto è stato ripreso da molti colleghi nell'originale o nell'evocativo "Vegancoach"...

Cosa faccio

Come Vegcoach fornisco:

  • consulenze alimentari e diete vegetariane, vegane o semivegetariane;
  • consulenze per la stesura di menu vegetariani, vegani o semivegetariani per eventi, ristoranti e mense;
  • ti indico cosa non deve mancare nella tua dispensa ;
  • ti accompagno a fare la spesa per consigliarti i prodotti migliori da acquistare
  • ti insegno a preparare piatti di base della cucina vegana e a individuare gli strumenti per imparare ad organizzarsi in cucina

Background

La Commissione Europea ha avviato un piano per la sostenibilità ambientale che prevede, tra le altre cose, che nelle mense pubbliche vengano ridotti consumo e utilizzo di carne, pesce, latticini e uova. Questo piano è stato recepito con decreto ministeriale 25/2011.

Le principali autorità scientifiche sovranazionali dicono infatti che la riduzione dei consumi di prodotti animali è l’unico mezzo rapido e allo stesso tempo efficace per contrastare i cambiamenti climatici.

Questo perchè gli allevamenti intensivi poi, da cui proviene la quasi totalità di carne, latte, latticini e uova sono la seconda causa di emissione di gas serra e quindi di cambiamento climatico. In più contribuiscono ad inquinare mari, fiumi e terreni.

L’eccesso di proteine e grassi animali è poi tra i principali responsabili di obesità, malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro, sovrappeso e obesità infantile.

Infine, sempre più persone ritengono inaccettabili le condizioni in cui vivono gli animali negli allevamenti.

Per ragioni varie quindi sono sempre di più le persone che decidono di diminuire o eliminare del tutto dalla propria tavola i prodotti di origine animale e le imprese e pubbliche amministrazioni che optano per regimi più “green” anche nel comparto alimentare.